Sharing is caring!

Avere un sito internet ormai, lo sappiamo, è una cosa più che normale per un’azienda. Anzi talvolta, ammettiamolo, siamo anche portati a diffidare di chi non ne abbia uno aggiornato, chiaro e che sia facilmente consultabile da mobile. Ma quante aziende hanno o sanno cosa è e perché è importante avere un blog aziendale? Se hai dubbi in merito o sei ancora indeciso se aprirne uno, continua la lettura.

Cosa è un blog aziendale

Partiamo dalle basi, dunque come sempre partiamo dalle definizioni. Un blog è un sito o lo spazio all’interno di un sito, in cui si pubblicano post che possono avere differenti forme di contenuto: possono essere comuni articoli di testo, immagini, video, infografiche, insomma tutto quello che può fornire informazioni o essere un valore aggiunto per gli utenti. Se da un punto di vista della forma si possono adottare diverse soluzioni, per quanto riguarda gli argomenti dei post è bene avere una uniformità di temi, sceglierne uno legato al brand e procedere su quella strada. Se la vostra azienda tratta abbigliamento allora focalizzatevi sulla moda, se si stratta si una azienda fornitrice di luce e gas allora quello è il campo su cui concentrarsi, se invece vi occupate ad esempio di viaggi allora concentratevi a sviluppare il tema in tutte le sue molteplici declinazioni. Insomma tutti i temi trattati devono riguardare strettamente la tua attività; trattare un tema estraneo potrebbe anzi essere fuorviante per i tuoi utenti e addirittura dannoso per il tuo brand.

Perché avere un blog aziendale?

La risposta è semplice e sono sicuro ti farà molto piacere: per attirare utenti. Il blog rientra, infatti, tra gli strumenti di inbound marketing, cioè tutte quelle azioni che avvicinano utenti da convertire in potenziali clienti. Un blog aziendale permette in sostanza di farti trovare semplicemente digitando delle parole chiavi su internet, ma questo naturalmente avviene solo dopo un importante lavoro di scrittura di contenuti, ottimizzazione e posizionamento online. Anche nel caso del blog non si può improvvisare, si deve prima analizzare contesto e target di riferimento per definire contenuti, stile e tutta la strategia da seguire. Come per tutti i gli strumenti di marketing ci vuole metodo e anche creatività.

Cinque consigli per creare un blog aziendale efficiente

Non serve solo avere un sito web, creare un blog utilizzando le più note piattaforme e poi avere qualcosa da dire. Creare un blog non è così riduttivo. Creare invece un blog efficiente è possibile, basta seguire alcuni accorgimenti importanti.

Cambia la tua vita,
investi nel settore del futuro,
diventa il fornitore di luce e gas della tua citta!


  1. Crea contenuti originali. Non mi stancherò mai di dirlo: i contenuti sono fondamentali, sono il tuo valore aggiunto che può fare la differenza. Niente scopiazzamenti qua e là, nessun copia e incolla. Prendi ispirazione dalla tua esperienza aziendale, dalla storia del brand, comprendi quello che realmente può interessare i tuoi utenti. Attenzione però, sono banditi i contenuti personali, il blog non è un diario. Lasciati piuttosto trasportare dallo storytelling.
  2. Se vuoi che i tuoi post vengano trovati allora non puoi fare a meno di tutti quegli accorgimenti che aiutano a posizionare al meglio i tuoi contenuti. In poche parole fai ottimizzazione SEO – Search Engine Optimization, cioè quella disciplina che ti permette di avere visibilità su Google e sugli altri motori di ricerca.
  3. Razionalizza le pubblicazioni creando e seguendo un calendario editoriale. In questo modo creerai ordine, gestendo e pubblicazioni nel migliore dei modi, tanto da creare degli appuntamenti fissi con i tuoi utenti e creando attesa per i tuoi contenuti. Se a questo aggiungi anche una newsletter allora l’efficacia del tuo blog aumenta.
  4. Ricordati di condividere i contenuti attraverso i social, che potranno così aiutarti a portare traffico al tuo blog e naturalmente poni attenzione a rispondere ai commenti degli utenti. È solo in questo modo che potrai man mano costruire una vera community, puntando anche alla fidelizzazione.
  5. Non pensare solo ed esclusivamente a vendere i tuoi prodotti e servizi. Un post blog non è uno spot pubblicitario, non puoi sempre cercare di vendere senza sosta agli utenti bombardandoli con promozioni, offerte speciali e esaltando i tuoi prodotti. Se pensi che un blog debba fare questo allora ti stai sbagliando di grosso. L’obiettivo principale di un post è far capire agli utenti che sei un esperto del tuo settore, che conosci profondamente ciò che fai. In questo modo ti poni come un punto di riferimento a cui rivolgersi, acquisisci autorevolezza e credibilità e colo in questo modo puoi giungere alla conversione in acquirenti degli utenti.

 

Ora tocca a te comprendere se realmente ti serve un blog aziendale e passare all’azione. Crearne uno davvero efficiente.

Sharing is caring!